Parco di Monte Urpinu - Cagliari

RICERCA HOTEL


Arrivo
Partenza

Info utili:

alcune informazioni pratiche utili per visitare Cagliari

Leggi »

News

Assistenza Clienti

Assistenza Clienti


Parco di Monte Urpinu - Cagliari

 

Parco di Monte Urpinu

Questo parco ha una storia un po’ travagliata. Per secoli è stata una boscosa oasi naturale popolata di volpi, cinghiali e quant’altro; poi, negli ultimi decenni del XX secolo, il parco ha dovuto pagare il suo tributo all’idiozia umana dando ospitalità, in piena guerra fredda, a una serie di grossi serbatoi contenenti combustibili altamente infiammabili che dovevano servire, per mezzo di un oleodotto dal misterioso e sconosciuto percorso, al rifornimento dei mezzi militari navali e aerei che sostavano al porto e agli aeroporti di Elmas e Decimomannu, essendo riconosciuta l’intera isola, da parte degli Stati Uniti, come centro strategico per il controllo del Mediterraneo in caso di guerra nucleare aperta contro l’Unione Sovietica. Solo recentemente e, come succede ormai in molti casi, grazie al sostanziale e costante impegno dei movimenti civili, cittadini ma non solo, la base militare di Monte Urpinu è ufficialmente decaduta e si sono gettate le basi per il recupero della zona precedentemente militarizzata e per la riqualificazione ambientale dell’intera area del parco, che necessitava comunque di decisi interventi ambientali. Questo breve racconto magari potrà aiutare a visitare con occhi diversi e a godersi ancora di più questo bellissimo polmone verde, un grandangolo che spazia su tutta la città e che è tanto più speciale perché parte di esso è stato riconquistato e riportato dalla cittadinanza ad un più alto grado di civiltà.
Dal viale di accesso al parco e dalla cima del colle si hanno tutte le panoramiche possibili, sugli stagni e le saline, sul lungomare, sul centro storico, sul porto, ed è una vera oasi per chi ama le passeggiate o per chi semplicemente desidera un po’ di natura senza doversi allontanare dalla città. Molto frequentato dagli stessi cagliaritani, è decisamente consigliabile a tutti i visitatori che si fermano a Cagliari anche solo per pochi giorni o per poche ore e che vogliono far riposare la mente e le membra sfiancate dal tour de force turistico.

La zona del parco più propriamente detta è separata, a protezione degli animali, dalla strada asfaltata percorribile dalle macchine e che arriva comunque al belvedere in cima al monte.
La zona è molto frequentata anche la sera per la presenza di caffè e locali che servono aperitivi e cene a buffet.

Viale Europa, Via S. Vidal, Via Pietro Leo
Tel.: 070 453148

Il percorso per le macchine è sempre aperto, mentre il parco più propriamente detto è aperto tutto l’anno dalla mattina alla sera con orario continuato e variabile a seconda della stagione:
Febbraio e novembre: dalle 6.30 alle 19.00; marzo: dalle 6.00 alle 19.30; aprile: dalle 5.30 alle 20.00; maggio: dalle 5.00 alle 21.00; giugno, luglio e agosto: dalle 5.00 alle 22.00; settembre: dalle 5.30 alle 21.00; ottobre: dalle 6.00 alle 20.00; dicembre e gennaio: dalle 7.00 alle 18.00
Ingresso gratuito.

Il Parco è raggiungibile con l’autobus con le linee 10 (fermata di Via Vidal), 6 (fermata di Piazza Padre Pio da Pietralcina) e 3 (fermata di via Scano).